audi
Estate Inverno
Associazione Turistica - A-6580 St. Anton am Arlberg, Tirolo - Tel +43 5446 22690 - Fax 2532 - Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo
DISPONIBILITÁ
Cerca e seleziona
Regione/Paese
Arrivo
Notti Cam/Ap Pers./Rm.
© feratel media technologies AG
  • German
  • English
  • Italian
  • Spanish
  • Russian
  • Netherlands
  • French
Contattaci
Come arrivarci
  • St Anton am Arlberg e la sua regione di villeggiatura - Vacanze in Austria
  • St Anton am Arlberg e la sua regione di villeggiatura - Vacanze in Austria
St. Anton sul tuo cellulare
 
Google+
Social Networks

Storia

La storia dello Sci a St. Anton am Arlberg
Fondazione dello Sci Club Arlberg (1901), prima gara di sci (1904),
prima scuola di sci (1921) e la gara Arlberg-Kandahar (1928)

Il turismo nell’Arlberg ha avuto inizio nel XIX secolo, ma é solo con l’avvento dello Sci Alpino, praticato in gran parte dai pionieri dell’Arlberg che questa regione si è guadagnata l’ottima reputazione di cui gode ancora oggi come localitá adatta per tutti gli sport invernali. Hannes Schneider é stata una figura di spicco negli anni in cui ha avuto inizio la cultura dello sci, infatti lo troviamo anche come attore in diversi film diretti da Arnold Fanck, il quale a sua volta contribuí cosí a rendere questa localitá tanto famosa. Negli anni a seguire, numerosi altri sciatori di successo resero l’Arlberg dimora del meglio nello sci.

Interessati a piú storia? Suggeriamo di visitare i seguenti Links:

 pdf La Confraternita di St. Christoph am Arlberg - 67.38 Kb
 pdf I primi sciatori - 124.61 Kb
 
Museo St. Anton am Arlberg


Chi viene a St. Anton am Arlberg non dovrebbe ripartire senza aver prima visitato il Museo nella famosa Arlberg-Kandahar-Haus. Quest'ultima è stata ristrutturata nel 2008. Infatti il Museo è stato a disposizione di ospiti e studiosi della storia dello sci dal 1978. Trentanni dopo, oggi il Museo si presenta ancora più ricco di materiale e informazioni per questa località turistica che è stata definita la "culla dello sci alpino". Qui troverete vecchie cartine, foto, sci dei campioni di ieri e di oggi, quadri di gare di sci oltre a diverse presentazioni virtuali delle grandi personalità dello Sci mondiale provenienti proprio da questa regione. Interessanti anche le foto tridimensionali di St. Anton am Arlberg durante tutto il periodo del suo progresso da piccolo villaggio di pastori a ultra moderna stazione sciistica di fama mondiale. Inoltre, avrete anche  la possibilità di vedere come questa località turistica è riuscita a incrementare il proprio turismo.

Per chi decidesse  di fermarsi anche un po' più a lungo nel Museo St. Anton am Arlberg, viene data la possibilità di rilassarsi nell'accogliente ristorante del museo dove vengono serviti gustosissimi piatti a base di pesce (forelle) oltre a dolci fatti in casa, gelato di produzione delle vicine fattorie, e succo di mela della Stiria. Per i bambini a disposizione anche un'area giochi. 

 

skimuseum-w.jpg

   skimuseum02.jpg

 
skimuseum03.jpg

Storia del Museo St. Anton am Arlberg: tutto iniziò quando si decise che  il villaggio aveva bisogno di un museo perchè orgoglioso della sua storia che da piccolo paesino di montagna principalmente di pastori oltre che villaggio sulla via che vedeva il taffico commerciale della regione passare attraverso il passo dell'Arlberg per  dirigersi verso l'Europa dell'est divenne prima, località turistica montana (XIX secolo) per coloro che cercavano un po' di fresco in estate e più tardi nel XX° secolo famosa stazione sciistica.

L'idea di un museo divenne fattibile quando, la casa di  Bernhard Trier costruita nel lontano 1912 era in vendita negli anni settanta dopo che nell'arco del secolo aveva cambiato diversi proprietari.


L'edificio venne così ristrutturato ed adibito a museo dal Comune di St. Anton am Arlberg (con l'allora Sindaco Dir. Herbert Sprenger) e dall'intera Associazione Turistica di St. Anton (l'allora Amministratore delegato Rudi Tschol)

Questo venne reso possibile anche grazie all'aiuto esperto di Hofrat Egg  e il Dr. Meinrad Pizzinini del Tiroler Landesmuseum oltre a  Luis Langenmaier ed Erwin Cimarolli.

Un parte del museo è dedicata alla città gemella Nozawa Onsen.

Il Museo e Ristorante, informazioni e orari di apertura:
www.museum-stanton.com